Pasta alla Norma “Cocciu d’Amuri”

Il Pastaio Matto

Questa ricetta mi offre l’opportunità di raccontarvi la storia d’amore tra Nonno Pippinu e Nonna Nina.

Monreale, inizi del ‘900: Pippinu e Nina sono 2 bambini appartenenti a famiglie numerose, sono cugini di sangue, i loro papà sono fratelli. I due giocano e crescono tra i vicoli del paese, diventano adolescenti, tra loro nasce una passione che si trasforma in un grande amore.

 

I due giovani riescono a tenere nascosti i loro sentimenti per un breve periodo, poi, come da tradizione, fanno la “fuitina”, sanno infatti che per i loro genitori quell’unione è una tragedia, un disonore.

 

L’amore “Impossibile” crea tensioni tra le famiglie, ma gli innamorati sono determinati,

Pippinu dal carattere forte e deciso è pazzo d’amore per sua cugina, la mora Nina, che a sua volta adora il forte consanguineo.

 

La storia si complica ulteriormente visto che Nina aspetta una bambina, ma grazie all’intervento di Padre Antonio dell”Arcidiocesi di Monreale, al buon senso delle famiglie e soprattutto dei due fratelli Quattrocchi, i due giovani riescono a coronare il loro sogno e si sposano. Creano una nuova e numerosa famiglia – Pippinu e Nina avranno sei figli – cucinano insieme alla Taverna e per mantenere sempre in vita quel grande amore, nasce il primo piatto chiamato “Cocciu d’Amuri” come Nonno Pippunu soprannominava Nonna Nina.

Guarda su Instagram

PASTA ALLA NORMA  “COCCIU D’AMURI”.

 

Questa la Lista degli Ingredienti per 2 persone:

 

 200 g Elicoidali di Grano Duro Italiano

 Olio Evo q.b

 2 Spicchi di Aglio  

 Peperoncino q.b

 250 ml Salsa di Pomodoro

 Basilico  q.b

 1 Melanzana nera  

 100 g Ricotta di Pecora salata 

 

  •  Tagliate la melanzana a cubetti non troppo piccoli, quindi “spurgateli” in un scolapasta, cosparsi di sale, per circa 30 minuti.
  •  Mettete in una padella capiente abbondante olio extravergine di oliva, quando sarà ben caldo, versate la melanzana a cubetti.
  • Friggete con cura, quando saranno ben dorati, scolate i cubetti di melanzana, quindi trasferiteli in un vassoio con della carta assorbente. Al fine di eliminare tutto l’olio in eccesso, non esitate a cambiare la carta assorbente. Mi raccomando, i cubetti di melanzana fritti devono risultare asciutti e nello stesso tempo croccanti fuori, morbidi dentro.
  •  Mettere nella padella l’olio, l’aglio ed un pezzetto di peperoncino, lasciate soffriggere per 2-3 minuti, quindi aggiungete la salsa di pomodoro e le foglie di basilico.
  • Cuocete a fiamma bassa giusto il tempo necessario affinché il condimento sia ben caldo.
  • Trasferite in una padella 2-3 mestoli di salsa di pomodoro, servirà per spadellare la pasta.
  • Quando l’acqua della pentola bolle, salare, quindi calare la pasta. Scolare la pasta ad un minuto della cottura e versatela nella padella con la salsa di pomodoro.
  •  Aggiungete alla pasta altra salsa di pomodoro e le melanzane fritte, quindi amalgamate a fuoco basso per 30 secondi.
  •  Impiattate, aggiungete altra salsa di pomodoro calda, quindi definite il piatto con la ricotta salata grattugiata a scaglie sul momento, le melanzane fritte e le foglie di basilico.

A questo punto il piatto è pronto per essere servito.

 

Buon Appetito!

 

Share:

On Key

Related Posts

Culture

Martinho da Arcada, il più antico cafè di Lisbona

Nato nel 1778, è noto per la sua frequentazione da parte delle élite culturali portoghesi e internazionali. È il famoso cafè dove Fernando Pessoa amava sostare, le foto dello scrittore seduto al suo tavolo personale sono infatti appese a tutte le pareti

Read More »