La Pasta di Saru u Patataru

Il Pastaio Matto

Con questa mia gustosissima versione della pasta con salsiccia, finocchietto e patate, vi racconto un cuntu di Nonno Pippinu

Guarda su Instagram

La taverna di Nonno Pippinu e Nonna Nina profumava di pietanze genuine, si sentiva un forte odore di vino proveniente dalle grandi botti in legno curate con meticolosità, era il posto dove la gente andava a gustare la buona cucina casalinga e trascorrere dei momenti di vita familiare d’altri tempi.

 

Una Domenica di ottobre del 1965, tra i tanti clienti arrivati dalla provincia palermitana, giunge la famiglia di Rosario Gambino, conosciuto per via della nciuria di Nonno Pippinu, come Saru ù Patataru.

 

Per capire il motivo di questo soprannome dobbiamo andare indietro nel tempo.

Durante la seconda Guerra Mondiale, Nonno Pippinu, nel breve periodo in cui fu combattente partigiano con il suo gruppo, in una incursione di attacco al nemico tedesco nella zona del trapanese, conobbe Saru appartenente a un altro gruppo di combattenti partigiani. In quella occasione fecero amicizia, si legarono molto e furono sempre amici. Saru era un cuciniere con esperienza in cucina militare specializzato nella preparazione di pietanze a base di patate. 

 

Durante lo spostamento del loro gruppo partigiano, nella zona di Agrigento , Pippinu e Saru vennero catturati dai tedeschi a Canicattì e portati nel campo nemico vicino Mascalucia.

 

Non furono momenti facili, però i due si confortarono, cucinarono molto, ognuno i propri piatti, e così riuscirono ad alleggerire e cambiare il duro comportamento dei soldati tedeschi, soprattutto dei comandanti, in particolare di uno di nome Derek.

 

Questo, conoscendo la storia di Nonno Pippinu e sapendo che il giovane aveva moglie e figli a Monreale, una notte li aiutò a fuggire e li rese liberi. Durante la fuga Pippinu e Saru, rimasero nascosti tre giorni e tre notti in un casolare delle campagne di Enna.

Alla fine Grazie a Derek, con un camion di fascisti corrotti non più devoti a Mussolini, che trasportava viveri, raggiunsero Palermo.

 

Fu così che grazie a quell’episodio che li aveva messi in pericolo di vita, i due amici abbandonarono l’idea di andare a combattere e si dedicarono alla famiglia.

 

Negli anni successivi al conflitto, nella Taverna di Salita Valenza questa triste esperienza portò in cucina il piatto di Saru ù Patataru, che non era altro che della pasta con tocchetti di patate e carne di maiale rosolata nel vino delle botti di Nonno Pippinu. 

 

Oggi vi presento la mia rivisitazione con la salsiccia palermitana e patate sbriciolate.

 

 

Questa la Lista degli Ingredienti per 2 persone:
 
✅ 200 g Mezzi Rigatoni di Grano Duro
✅ Olio Evo q.b
✅ 2 Spicchi di Aglio
✅ Peperoncino intero
✅ Un rametto di Rosmarino
✅ 200 g Salsiccia Palermitana al Finocchietto 
✅ 125 ml Vino Catarratto 
✅ 3 Patate medie
✅ 100 g Pecorino Siciliano grattugiato 
✅ 1-2 Mestoli di acqua di cottura della pasta
✅ Prezzemolo fresco tritato
 
🔪 
 
✳️ Sciacquate le patate sotto l’acqua corrente, mettetele nella pentola a pressione con dell’acqua fredda.
Chiudete con il coperchio, cuocete per circa 15-20  minuti da quando la pentola a pressione inizia fischiare.
Lasciate raffreddare quindi prendete le patate, le pelate e le tenete da parte.
 
✳️ Mettete in una padella l’olio evo, l’aglio un rametto di rosmarino ed il peperoncino intero, soffriggete per 2-3 minuti.
 
✳️ Sbriciolare nella padella la salsiccia; rosolare bene e renderla croccante; quindi sfumare con il vino bianco.
Quando il vino è evaporato, aggiungete le patate sminuzzate con le mani, non utilizzate il coltello. Aggiungete il prezzemolo tritato, quindi amalgamate il tutto. Spegnete sul fuoco.
 
✳️ Quando l’acqua della pentola bolle, salate, quindi calate la pasta. A 2 minuti dalla cottura trasferite la pasta nella padella con il condimento della salsiccia e delle patate.
 
✳️ Dapprima amalgamate il tutto delicatamente, aggiungete un mestolo di acqua di cottura, quindi amalgamate in padella a fuoco alto per circa un minuto.
 
✳️ Spegnete sul fuoco, aggiungete il pecorino grattugiato, quindi un mestolo di acqua di cottura della pasta, dapprima amalgamate bene infine saltate velocemente, vedrete che pasta cremosa.
 
✳️ Impiattate, quindi prima di servire questo piatto super cremoso, aggiungete a piacimento altro prezzemolo tritato.

Share:

On Key

Related Posts

Culture

La Via dei librai per Palermo allo Sperone e a Caccamo

Torna “La Via dei Librai per Palermo” con altri due appuntamenti e il lancio di una nuova iniziativa. Due giorni allo Sperone per proseguire l’esperienza iniziata a Mondello e a Brancaccio e cioè di portare i libri in piazza nelle periferie. Un’altra a Caccamo per aprire un percorso anche nella provincia e sperimentare la formula della manifestazione anche fuori dalla

Read More »
Culture

La Women Orchestra contro la violenza sulle donne

Con un repertorio ad hoc l’orchestra diretta dalla giovane Alessandra Pipitone si esibirà oggi a Palermo, a Palazzo Comitini, alle ore 18, subito dopo il dibattito sul femminicidio organizzato dal “Pool Antiviolenza e per la Legalità”

Read More »