La Pasta con i peperoni di Pipuzzu

Il Pastaio Matto

Il piatto colorato e gustoso che oggi vi propongo in modo rivisitato si ispira a quello che mio nonno Pippinu dedicò al giovane contadino di Monreale

Guarda su Instagram

Tra i tanti amici di nonno Pippinu c’era Turiddu che una volta uscito dall’orfanotrofio dov’era cresciuto, andò a lavorare per un ricco proprietario terriero che possedeva ettari ed ettari di campagna nella Conca D’oro.

Al giovane contadino venne data “a’ nciuria(il soprannome che nella tradizione siciliana accompagna un individuo per tutta la vita) di Pipuzzu, perché era bravissimo nel coltivare i Pipi, termine utilizzato nel palermitano per indicare i peperoni.  

La sera, rientrando in paese dalla campagna, Pipuzzu faceva una sosta alla taverna di Salita Valenza di mio nonno portando con sè ceste di peperoni rosso fuoco, che venivano preparati nella cucina di nonna Nina,  si tratteneva a parlare con loro e naturalmente a bere un bicchiere di vino e magari anche a gustare un piatto di pasta.

Un giorno Pipuzzu decise di abbandonare la vita da bracciante perché non gli stava più bene di stare sottomesso al suo “padrone”,  chiese a nonno Pippinu dei soldi in prestito per comprare il biglietto del piroscafo a vapore che lo avrebbe portato in America in cerca di fortuna.

I primi anni oltreoceano non furono per niente facili, essendo però un grande lavoratore ebbe successo, diventò produttore e imprenditore agroalimentare, soprattutto di peperoni.

Pipuzzu tornò a Monreale in vacanza dopo quarant’anni, nel 2000, quando purtroppo Nonno Pippinu non c’era più. Io lo conobbi e mi fece piacere ascoltare i suoi curiosi anedotti. Pipuzzu morì in America alcuni anni dopo.

Quest’oggi vi propongo in versione rivisitata con peperoni e cozze, il piatto che mio nonno gli dedicò.

Questa la Lista degli Ingredienti per 2 persone:

  •  200 g Scialatelli freschi di Semola di Grano duro
  •  Olio Evo q.b
  •  4 Spicchi di Aglio
  •  Steli di Prezzemolo q.b
  •  1 Peperone rosso
  •  400 g Cozze
  •  125 ml Vino bianco
  •  Prezzemolo fresco  tritato q.b
  •  Pepe mix q.b

In una padella versare l’olio evo, l’aglio e gli steli di prezzemolo, lasciare insaporire per 2-3 minuti.

 

 A questo punto aggiungete i peperoni precedentemente lavati, asciugati e tagliati a strisce piccole e medie; lasciate cuocere a fiamma bassa per 15 minuti. Durante la cottura aggiungere 2-3 mestoli di acqua calda(vi consiglio di utilizzare quella della pentola per la pasta).

 

 Aggiungere le cozze precedentemente lavate; quindi pepate, infine coprire con un coperchio.

 

 Appena le cozze saranno aperte, sfumate con il vino bianco; quando l’alcol sarà evaporato spegnete sul fuoco; lasciate raffreddare, quindi sgusciate le cozze. Qualcuna lasciatela con mezzo guscio, servirà per la decorazione del piatto.

 

 Quando l’acqua della pentola bolle, salare, quindi calare la pasta.

 

 A meta cottura trasferire la pasta nella padella con il condimento.

 

 Amalgamare bene, quindi definite la cottura della pasta aiutandovi con l’acqua di cottura.

 

 Aggiungete il prezzemolo fresco precedentemente tritato, quindi definite il piatto. Mi raccomando la mantecatura, si dovrà formare una bella cremina.

 

 Prima di servire questo piatto super gustoso e cremoso, aggiungere il prezzemolo fresco tritato.

 

Share:

On Key

Related Posts

Culture

Martinho da Arcada, il più antico cafè di Lisbona

Nato nel 1778, è noto per la sua frequentazione da parte delle élite culturali portoghesi e internazionali. È il famoso cafè dove Fernando Pessoa amava sostare, le foto dello scrittore seduto al suo tavolo personale sono infatti appese a tutte le pareti

Read More »