A difesa della biodiversità

Giovanna Cirino

Arpa Sicilia è partner del progetto CORALLO finanziato dal Programma INTERREG - Italia Malta. L’obiettivo è la valorizzazione della biodiversità e la fruizione responsabile dei siti Natura 2000

La Biodiversità è l’espressione della diversità della vita in tutte le sue forme e comprende la moltitudine di organismi vegetali e animali che vivono sul nostro pianeta con un ruolo funzionale al benessere di tutto l’ecosistema. Il fatto che questi organismi siano legati tra loro da una miriade di relazioni assai complesse rende gli ecosistemi vulnerabili, infatti, se una delle componenti è compromessa anche le altre ne risentono.

 

Gli effetti sono spesso irreversibili con ripercussioni che spaventano il mondo intero perché la questione dell’impoverimento ambientale del pianeta a seguito della distruzione degli ecosistemi è un problema che non riguarderà più solo le future generazioni ma che già affligge il nostro presente. E la cronaca lo racconta.

Numerosi sono dunque i fattori che minacciano la conservazione delle specie animali e botaniche e in questo contesto di necessità e urgenza si inserisce il progetto Corallo finanziato all’interno del Programma INTERREG Italia-Malta che si concluderà nell’estate del 2023, che vede la partecipazione di un partenariato internazionale composto da University of Malta, Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente (ARPA Sicilia), Environment and Resources Authority (ERA), Heritage Malta (HM), Università degli Studi di Palermo –  (STEBICEF), Consorzio Plemmirio (AMP), Consorzio di Ricerca per lo Sviluppo di Sistemi Innovativi Agroambientali (CoRiSSIA).

 

Il progetto mira a fornire gli strumenti di divulgazione necessari volti a generare una maggiore consapevolezza sul patrimonio naturale e culturale presente all’interno dei siti Natura 2000, aree protette di importanza europea che rientrano nella Rete Natura, individuati a Malta e in Sicilia. “Vi è la necessità inderogabile di vivere in modo sostenibile e le Istituzioni hanno la responsabilità di perseguire politiche di indirizzo ambientale, sia nazionale sia internazionale, volte a guidare il cambiamento verso una maggiore consapevolezza”. Ha dichiarato Vincenzo Infantino direttore generale di Arpa Sicilia.

Attraverso la creazione di servizi, sistemi innovativi e utilizzo di tecnologie avanzate e grazie a una gamma diversificata di strumenti di edutainment, come attività di gaming, realtà virtuale, il progetto Corallo sostiene la diffusione della conoscenza e la conseguente corretta fruizione degli ecosistemi terrestri e marini. 

 

 “La necessità di preservare il patrimonio naturale cresce di pari passo con la consapevolezza che le attività di protezione della biodiversità siano, di fatto, un investimento sul futuro” dichiara Ignazio Cammalleri, direttore della UOC Ricerca & Innovazione di Arpa Sicilia. Le attività di progetto sono portate avanti insieme a Rosanna Costa della UOC Ricerca & Innovazione che sottolinea: “L’importanza di sostenere la fruizione responsabile dei luoghi attraverso l’informazione e la divulgazione delle peculiarità caratterizzanti che compongono il paesaggio per riconoscere gli elementi da tutelare e proteggere”. Cammalleri aggiunge: “Se non interveniamo con immediatezza rischiamo in poco tempo di dissipare l’enorme patrimonio biologico da cui dipende la nostra evoluzione e quella del pianeta”.

Share:

On Key

Related Posts

Culture

La Via dei librai per Palermo allo Sperone e a Caccamo

Torna “La Via dei Librai per Palermo” con altri due appuntamenti e il lancio di una nuova iniziativa. Due giorni allo Sperone per proseguire l’esperienza iniziata a Mondello e a Brancaccio e cioè di portare i libri in piazza nelle periferie. Un’altra a Caccamo per aprire un percorso anche nella provincia e sperimentare la formula della manifestazione anche fuori dalla

Read More »
Culture

La Women Orchestra contro la violenza sulle donne

Con un repertorio ad hoc l’orchestra diretta dalla giovane Alessandra Pipitone si esibirà oggi a Palermo, a Palazzo Comitini, alle ore 18, subito dopo il dibattito sul femminicidio organizzato dal “Pool Antiviolenza e per la Legalità”

Read More »