AMORE FLUIDO

Lorenzo Matassa

“L’Amore non ha colore, ma ha lo spettro di un arcobaleno. L’Amore non ha forma, ma ha tutte le dimensioni in cui può espandersi e comprimersi”

“Non sai quanti nomi ho dato all’amore e non sai quanti nomi lui ha dato a me…”

Quello che avete appena letto è una parte del testo poetico di una canzone scritta da Ivano Fossati.


Interpretata magistralmente dalla voce di Tosca, la canzone ha un titolo (“il suono della voce”) che semplicemente chiarisce in quanti modi verbali può esprimersi l’idea dell’Amore.

 

Non erro se affermo che il sostantivo “Amore” sia stato il più pronunciato nella storia degli esseri umani e, al contempo, sia stato il più accompagnato ad aggettivi di natura variamente infinita (per gioco ne ho fatto un elenco che leggerete in fondo).

 

Come l’acqua, l’Amore sa, infatti, tingersi del bianco lucente di un’alba primaverile o del blu cobalto di un profondo mare o, ancora, del nero impenetrabile di una notte senza luna.


L’Amore riesce ad adattarsi ad ogni forma a ragione del fatto che non ha un prestabilito stato fisico, esattamente come l’acqua.

 

Non è un caso che uno dei più grandi successi editoriali mondiali, scritto dal sociologo Bauman, abbia per titolo “L’Amore liquido”.

 

L’Amore non ha colore, ma ha lo spettro di un arcobaleno.


L’Amore non ha forma, ma ha tutte le dimensioni in cui può espandersi e comprimersi l’anima umana.

 

Insomma, che l’Amore non sia più solido (e che forse non lo sia mai stato…) lo hanno compreso un po’ tutti e in futuro, probabilmente, diventerà gassoso più dell’elio.

 

Per questo motivo non trovo stupore alcuno quando ascolto le nuove generazioni fare finta di innovare rispetto ad un passato patriarcale e incentrato sulla eterosessualità.

 

Li ascolti – con orgoglio di chi sembra avere rivoluzionato la Storia sessuale dell’umanità – affermare: “Noi non siamo nè maschi, nè femmine. Noi ci amiamo nel modo più semplice in cui l’Amore incontra se stesso. Uomo o donna non ha più importanza…”.

 

Viene da sorridere con tenerezza perchè queste nuove generazioni stanno solo scoprendo la fluidità dell’acqua calda.

 

Qualche secolo fa, il vecchio Willie Shakespeare scriveva che “l’Amore corre ad incontrare l’Amore”.


Su questa necessità di ritrovarsi in un sentimento così forte non vi è barriera di sesso che faccia da confine perchè l’Amore è ciò che neppure un Dio può condizionare (lo dicevano gli antichi Greci nella loro immensa saggezza…).

 

Se non credete alla ricostruzione leggete questa frase:
“Già Eros mi scuote le membra, dolceamara, indomabile, oscura belva…”

Non attardatevi a cercare su Google da chi sia stata concepita.


Fu scritta da una donna per una donna.
Era Saffo, poetessa omosessuale, vissuta circa seicento anni prima della nascita di Cristo.


Come è agevole capire – già duemila e cinquecento anni fa ed in una civiltà che ha dato lezioni al mondo – l’Amore era più “fluido” di adesso…


Alcuni aggettivi dell’Amore:


Acceso, adultero, adolescenziale, antico, ardente, bello, breve, brutale, calante, caloroso, carnale, coniugale, cristiano, caro, cieco, complicato, concluso, continuo, contrastato, corrisposto, distaccato, debole, degno, deludente, deprimente, dimenticato, duraturo, disinteressato, disordinato, disperato, diverso, divertente, divino, dolce, effimero, eccessivo, emozionante, enorme, entusiasmante, esagerato, esaltante, eterno, falso, fantasioso, filiale, fisico, fraterno, fantastico, fedele, felice, fervido, finto, finito, folle, fragile, fugace, furioso, geloso, gentile, gioioso, giovanile, giustificato, grande, gratificante, ideale, immaturo, immaginario, incestuoso, immenso, immorale, improvviso, impetuoso, inappagato, infinito, inaspettato, inatteso, inesauribile, infinito, interminabile, irripetibile, istantaneo, incondizionato, incontrollato, incommensurabile, incredibile, ingestibile, infantile, infelice, infinito, insaziabile, insensato, intenso, intimo, irrazionale, irresistibile, istintivo, libero, lento, lungo, maggiore, massimo, minimo, minore, materno, malato, matto, mediatico, misterioso, moderno, momentaneo, morente, nascente, nascosto, nuovo, particolare, passionale, perduto, perpetuo, perfetto, preoccupante, paterno, piccolo, platonico, primo, problematico, profano, profondo, puro, reale, religioso, ricambiato, rispettoso, rivoltante, romantico, sacro, sano, scandaloso, scarso, schietto, sciagurato, sconvolgente, segreto, semplice, sensazionalistico, sessuale, senile, smarrito, sprecato, sfrenato, sincero, singolare, smisurato, sofferto, sorprendente, spento, strano, stupendo, sublime, sventurato, temporaneo, tenero, tormentato, totale, travolgente, triste, umile, unico, universale, vecchio, vero, violento, vissuto, virtuale, viscerale. 
Ne mancano ancora tanti…

 

Share:

On Key

Related Posts

Culture

La Via dei librai per Palermo allo Sperone e a Caccamo

Torna “La Via dei Librai per Palermo” con altri due appuntamenti e il lancio di una nuova iniziativa. Due giorni allo Sperone per proseguire l’esperienza iniziata a Mondello e a Brancaccio e cioè di portare i libri in piazza nelle periferie. Un’altra a Caccamo per aprire un percorso anche nella provincia e sperimentare la formula della manifestazione anche fuori dalla

Read More »
Culture

La Women Orchestra contro la violenza sulle donne

Con un repertorio ad hoc l’orchestra diretta dalla giovane Alessandra Pipitone si esibirà oggi a Palermo, a Palazzo Comitini, alle ore 18, subito dopo il dibattito sul femminicidio organizzato dal “Pool Antiviolenza e per la Legalità”

Read More »