XVIII EDIZIONE PREMIO “PINO VENEZIANO” Incontri di mare e di culture

di Redazione

Nel Baglio Florio, all’interno del Parco Archeologico di Selinunte e Cave di Cusa “Vincenzo Tusa”, il premio è stato conferito alla regista Giovanna Taviani e all’attore e cuntista Gaspare Balsamo

Si è svolta lo scorso 19 agosto la XVIII edizione del “Premio Pino Veneziano”, organizzata dall’associazione “Selinunte Cunta e Canta”, presieduta da Umberto Leone.

 

Il cantastorie, singolare e schivo, restio alla notorietà, che suonava tra i tavoli del suo ristorante di Marinella di Selinunte, possedeva una voce particolarissima, notata negli anni ’70 e ’80 da Lucio Dalla e da Fabrizio De Andrè, che lo volle come spalla al suo primo concerto in Sicilia.

 

Incantò anche lo scrittore argentino Jorge Luis Borges e il poeta Ignazio Buttitta, che scrisse la presentazione al suo unico disco pubblicato nel 1975.

 Da qualche anno il premio vede alla direzione artistica Gaetano Savatteri, noto giornalista e scrittore, che ha dichiarato: “Sto lavorando per aprire ad altre forme d’arte come la letteratura, il teatro e il cinema, quella che oggi è una tra le iniziative culturali più longeve e caratterizzanti di questo territorio”.

 

L’edizione 2022 ha preso spunto dall’incontro tra Veneziano e Jorge Luis Borges in visita a Selinunte: quando l’artista finì di cantare le sue canzoni, il poeta argentino ormai divenuto cieco, volle avvicinarsi per toccargli il viso e carpirne ogni solco. Per questo motivo il tema scelto è stato Il Volto: mostrare il nuovo volto del tradizionale racconto orale della Sicilia. Ed è questa la motivazione che ci ha spinto gli organizzatori a premiare Giovanna Taviani, regista del film Cùntami, e il cuntista Gaspare Balsamo, tra i protagonisti del film.

 

“Quando mi trasferii a Palermo durante il lockdown e presi la macchina per andare a visitare i luoghi di Ciccio Busacca, di Mimmo Cuticchio, di Ulisse e del Ciclope, di Eschilo e di Don Chisciotte, scoprii una nuova generazione di narratori orali che tornano al mito per raccontare la nostra contemporaneità”. Ha dichiarato Giovanna Taviani.

 

Quest’anno l’evento è stato inserito dall’Assessorato Regionale ai Beni Culturali e dell’Identità Siciliana tra le iniziative direttamente promosse. Il neo direttore del Parco Archeologico Regionale, Felice Crescente, ha voluto testimoniare come: “Il ristorante di Pino fosse negli anni Settanta, per i giovani della borgata di Marinella, un punto di riferimento e d’incontro con numerosi intellettuali dell’epoca”.

Share:

On Key

Related Posts

Culture

Martinho da Arcada, il più antico cafè di Lisbona

Nato nel 1778, è noto per la sua frequentazione da parte delle élite culturali portoghesi e internazionali. È il famoso cafè dove Fernando Pessoa amava sostare, le foto dello scrittore seduto al suo tavolo personale sono infatti appese a tutte le pareti

Read More »