Una marina di libri 2022: pensieri corsari e l’omaggio a Pasolini

di Redazione

La XIII edizione del Festival dell’editoria indipendente avrà tra gli ospiti: Domenico Iannacone, Valerio Calzolaio, Marzia Sabella, Sergio Rizzo, Javier Castillo, John Dickie, e i poeti Guido Celli e Davide Rondoni

Si inaugura, giovedì 9 giugno (ore 16.30), la tredicesima edizione di Una marina di libri, l’appuntamento con il Festival dell’editoria indipendente si svolgerà, per il secondo anno consecutivo, a Parco Villa Filippina, a Palermo.

A dare il benvenuto a ospiti e pubblico sul palco del teatro Coop: Gaetano Savatteri, direttore artistico, Nicola Bravo, presidente del Centro Commerciale Naturale Piazza Marina & Dintorni e direttore esecutivo di Una marina di libri, Masha Sergio, Matteo Di Gesù e Salvatore Ferlita, comitato scientifico di Una marina di libri, gli editori Antonio Sellerio e Ottavio Navarra, e Maria Romana Tetamo della libreria Dudi (che cura il programma per l’infanzia).

Un brindisi con il Rosso Ludovico, la più importante etichetta di Tenute Orestiadi di Gibellina, partner della manifestazione, darà il via al programma della giornata che si aprirà, come di consueto, con lo spettacolo per i più piccoli dal titolo Di qui non si passa.

Il tema conduttore di Una marina di libri 2022 (dal 9 al 12 giugno) è Pensieri corsari, un omaggio a Pier Paolo Pasolini per celebrare il centenario della nascita, e per ricordare il grande intellettuale italiano il Festival ha coinvolto attori e attrici che proporranno al pubblico alcune tra le più belle poesie di Pasolini. Si partirà il 9 giugno (ore 19) con Gigi Borruso che reciterà La terra di lavoro, si proseguirà venerdì (ore 19) con Filippo Luna che interpreterà Io so, sabato 11 (ore 19.30) sarà la volta di Chiara Muscato con Il pianto della scavatrice, e si chiuderà domenica 12  (ore 11) con Glicine, affidata alla voce di Stefania Blandeburgo. 

Oltre 200 gli appuntamenti e numerosi gli ospiti italiani e stranieri. Poesie, romanzi, saggi, graphic novel, libri fotografici, spettacoli, e poi dibattiti e incontri sulla sostenibilità, l’ambiente, l’arte, la storia, l’attualità, seminari per gli universitari, laboratori e intrattenimento per i più piccoli saranno l’anima della kermesse letteraria che ospita 88 editori. Da non perdere l’omaggio agli autori scomparsi: Luciano Bianciardi, Giorgio Manganelli, Enzo Sellerio e Giuseppe Quatriglio.

Una marina di libri si aprirà con lo spettacolo per l’infanzia dal titolo Di qui non si passa, tra gli ospiti della prima giornata Domenico Iannacone, che dialogherà con Gaetano Savatteri sul ruolo delle periferie, Marzia Sabella che presenterà il libro Lo sputo (Sellerio editore),

Valerio Calzolaio con Isole Carcere (Edizioni Gruppo Abele), Javier Castillo con La ragazza di neve (Salani), Sergio Rizzo con Potere assoluto. I cento magistrati che comandano in Italia (Solferino), John Dickie con I liberi Muratori. Storia mondiale della Massoneria (Laterza) e per la sezione Versi Diversi. Poeti a confronto, Guido Cellie e Davide Rondoni .

A chiudere la serata il concerto Alearno Trio a cura di The Brass Group.

Una marina di libri è organizzata dal Centro Commerciale Naturale Piazza Marina & Dintorni, da Navarra Editore e Sellerio Editore, con la collaborazione dell’Università degli Studi di Palermo e della Libreria Dudi, alla quale è affidato il programma dedicato a bambine/bambini e ragazze/ragazzi.

Complessivamente sono oltre 50 i partner che, a vario titolo, sostengono la manifestazione.

Media Partner: Rai Radio 3;  

Media Partner: Giornale di Sicilia – TGS – RGS – Gds.it (presenti per l’intera manifestazione con interviste a scrittrici, scrittori, editori e ospiti).

 

INFO

Biglietti: quotidiano euro 3,00 – abbonamento euro 8,00;

Ingressi omaggio: ai cosiddetti “figli del ‘92”, e cioè a tutti coloro che sono nati in quell’anno, e a bambine e bambini di età inferiore ai 13 anni;

Programma: www.unamarinadilibri.it

 

Foto di : Federica Ungaro

Share:

On Key

Related Posts

Culture

Martinho da Arcada, il più antico cafè di Lisbona

Nato nel 1778, è noto per la sua frequentazione da parte delle élite culturali portoghesi e internazionali. È il famoso cafè dove Fernando Pessoa amava sostare, le foto dello scrittore seduto al suo tavolo personale sono infatti appese a tutte le pareti

Read More »