CHICAGO debutta Al Massimo

di Redazione

Arriva per la prima volta a Palermo il musical di Broadway, Chicago, con la regia di Saverio Marconi. Repliche il 15 e 16 ottobre

Noir, commedia e musical. “Chicago”, uno dei titoli del teatro musicale più rappresentati in tutto il mondo, e a Broadway da ben 35 anni, approda a Palermo per la prima volta con la regia di Saverio Marconi, re del Musical italiano. Danze iconiche, musiche travolgenti a ritmo di jazz, una satira pungentissima su quanto è mutabile l’opinione pubblica sotto l’influenza dei media e su come può essere spettacolarizzato un delitto. Il musical – con i testi di Frank Ebb, le musiche di John Kander, la sceneggiatura di Frank Ebb e Bob Fosse – andrà in scena il 14, 15 e 16 ottobre al Teatro “Al Massimo”. Sul palco il cast della Performing Arts School, che da 11 anni porta la formazione di Broadway in Italia.

 

Il delitto trasformato in spettacolo, ma anche la mostruosità di determinate abitudini che diventano ‘normali’ semplicemente perché vengono sdoganate dai media. Basato sull’opera di Maurine Dallas Watkins, nell’adattamento di David Thompson, “Chicago” parla di eccessi. Ambientato negli anni ’20, il musical racconta la storia di Roxie Hart, ballerina di un nightclub sposa del buon Amos, che finisce nei guai per un delitto passionale. Qui inizia la rocambolesca ascesa dell’aspirante diva, tra colpi di scena ed esilaranti scambi di battute a ritmo di jazz. L’anti-eroina del musical incontrerà l’avvocato Flynn, la stella Velma Kelly – incarcerata anch’essa per passione ed alla ricerca di fama, fortuna e assoluzione proprio come lei – e tanti altri personaggi in un intreccio vorticoso di storie che si concatenano.

 

«Uno spettacolo attualissimo – commenta Luigi Milazzo della Performing Arts School, che fortemente ha voluto portare questo grande spettacolo nel capoluogo siciliano – mai come adesso. Sono cambiati i media ma non sono cambiati i risultati che questi hanno sulle masse».

 

A lavoro da più di un mese, nelle mani sapienti del Maestro Saverio Marconi – affiancato da Davide Nebbia -, i ragazzi diplomati nella scuola di Viale delle Alpi provano e riprovano lo spettacolo per otto ore ogni giorno. «Se non hai degli interpreti eccezionali – spiega il regista – “Chicago” non può andare in scena. Qui ho trovato gli interpreti giusti. I ragazzi sono bravissimi, i ruoli sono molto difficili e impegnativi ma a fine giornata la soddisfazione è tanta». La direzione musicale è della vulcanica Marzia Molinelli, già presente nell’edizione 2015 di “Sister Act” (diretta dallo stesso Marconi), direttrice della scuola e produttrice.

Share:

On Key

Related Posts

Culture

La Via dei librai per Palermo allo Sperone e a Caccamo

Torna “La Via dei Librai per Palermo” con altri due appuntamenti e il lancio di una nuova iniziativa. Due giorni allo Sperone per proseguire l’esperienza iniziata a Mondello e a Brancaccio e cioè di portare i libri in piazza nelle periferie. Un’altra a Caccamo per aprire un percorso anche nella provincia e sperimentare la formula della manifestazione anche fuori dalla

Read More »
Culture

La Women Orchestra contro la violenza sulle donne

Con un repertorio ad hoc l’orchestra diretta dalla giovane Alessandra Pipitone si esibirà oggi a Palermo, a Palazzo Comitini, alle ore 18, subito dopo il dibattito sul femminicidio organizzato dal “Pool Antiviolenza e per la Legalità”

Read More »